FARESCO时事新闻

为方便及时掌握国际进出口动态等其他国际商业信息而提供给您的一个涵盖新、旧商业事件的资讯板块。

21/09/2018

TECNOLOGIA Il futuro dell’intelligenza artificiale si decide in Cina

Pierre Haski, France Inter, Francia 19 settembre 2018 11.49

Sapete dove in corso, questa settimana, il pi importante appuntamento mondiale per l’intelligenza artificiale? Non nella Silicon valley come potreste pensare, ma a Shanghai, in quella Cina che ha deciso di puntare con decisione sulle tecnologie del futuro.

Fino a pochi anni fa, il mondo occidentale considerava la Cina come la meta ideale per delocalizzare la produzione a basso costo, non certo un terreno fertile per l’innovazione. Ma era evidente, considerando le dimensioni e l’ambizione del paese, che Pechino non si sarebbe accontentata in eterno di un ruolo di secondo piano. Il gigante cinese si svegliato da tempo, per citare Napoleone. Da qualche mese la Cina diventata la prima potenza mondiale in termini di pubblicazioni scientifiche. In ritardo sulle tecnologie del ventesimo secolo, ha scelto di fare quello che gli anglofoni chiamano leap-frogging, un salto della rana, e concentrarsi sulle tecnologie del ventunesimo secolo.

Da questa svolta nasce l’interesse cinese per l’intelligenza artificiale, senza dubbio un settore chiave per la trasformazione del nostro mondo e che ha gi un ruolo sempre pi importante in ambiti come l’economia, la difesa e la vita in citt.

Pechino, oltre ad averlo capito, possiede una carta vincente: l’intelligenza artificiale, infatti, ha un enorme bisogno di dati per essere efficace, un po’ come l’industria del novecento aveva bisogno del petrolio. La Cina, con i suoi 800 milioni di internauti e senza alcuna politica di protezione della privacy, ha accesso a una quantit di dati personali superiore a quella complessiva degli Stati Uniti e dell’Europa.

Oggi i cinesi possono contare su questo tesoro di dati, su aziende capaci di elaborarli e su finanziamenti pubblici e privati illimitati, oltre a una volont politica al vertice dello stato iper-centralizzato. Tutti i giganti mondiali del settore hanno accettato di partecipare alla Conferenza mondiale sull’intelligenza artificiale, in corso dal 17 settembre, ed significativo che i dirigenti delle grandi aziende e gli esperti di quaranta paesi abbiano deciso di visitare la Cina proprio mentre infuria la guerra commerciale con gli Stati Uniti. La tecnologia, tra l’altro, al centro della tensione sino-americana che si fa sempre pi intensa.
Nella sede della Conferenza mondiale sull’intelligenza artificiale a Shanghai, Cina, 14 settembre 2018. (Imaginechina/Ap/Ansa)
TECNOLOGIA
Il futuro dell’intelligenza artificiale si decide in Cina
Pierre Haski, France Inter, Francia
19 settembre 2018 11.49
FacebookTwitterEmailPrint
Sapete dove in corso, questa settimana, il pi importante appuntamento mondiale per l’intelligenza artificiale? Non nella Silicon valley come potreste pensare, ma a Shanghai, in quella Cina che ha deciso di puntare con decisione sulle tecnologie del futuro.

Fino a pochi anni fa, il mondo occidentale considerava la Cina come la meta ideale per delocalizzare la produzione a basso costo, non certo un terreno fertile per l’innovazione. Ma era evidente, considerando le dimensioni e l’ambizione del paese, che Pechino non si sarebbe accontentata in eterno di un ruolo di secondo piano. Il gigante cinese si svegliato da tempo, per citare Napoleone. Da qualche mese la Cina diventata la prima potenza mondiale in termini di pubblicazioni scientifiche. In ritardo sulle tecnologie del ventesimo secolo, ha scelto di fare quello che gli anglofoni chiamano leap-frogging, un salto della rana, e concentrarsi sulle tecnologie del ventunesimo secolo.

Da questa svolta nasce l’interesse cinese per l’intelligenza artificiale, senza dubbio un settore chiave per la trasformazione del nostro mondo e che ha gi un ruolo sempre pi importante in ambiti come l’economia, la difesa e la vita in citt.

Pechino, oltre ad averlo capito, possiede una carta vincente: l’intelligenza artificiale, infatti, ha un enorme bisogno di dati per essere efficace, un po’ come l’industria del novecento aveva bisogno del petrolio. La Cina, con i suoi 800 milioni di internauti e senza alcuna politica di protezione della privacy, ha accesso a una quantit di dati personali superiore a quella complessiva degli Stati Uniti e dell’Europa.

Oggi i cinesi possono contare su questo tesoro di dati, su aziende capaci di elaborarli e su finanziamenti pubblici e privati illimitati, oltre a una volont politica al vertice dello stato iper-centralizzato. Tutti i giganti mondiali del settore hanno accettato di partecipare alla Conferenza mondiale sull’intelligenza artificiale, in corso dal 17 settembre, ed significativo che i dirigenti delle grandi aziende e gli esperti di quaranta paesi abbiano deciso di visitare la Cina proprio mentre infuria la guerra commerciale con gli Stati Uniti. La tecnologia, tra l’altro, al centro della tensione sino-americana che si fa sempre pi intensa.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICIT


Il presidente cinese Xi Jinping si mostrato conciliante, facendo appello alla cooperazione del mondo intero nel campo dell’intelligenza artificiale. E infatti i colossi americani Microsoft e Amazon hanno annunciato in settimana l’apertura di centri di ricerca in Cina, dove Google e Facebook sognano di stabilirsi.

Ma l’intelligenza artificiale anche un terreno segnato da un’intensa rivalit geopolitica che potrebbe ridefinire i rapporti di forza globali. La Cina, in questo senso, difende un modello che non pu essere universale, con il sistema di sorveglianza pi intrusivo del mondo basato sulla tecnologia.

L’Europa, nonostante i suoi talenti e le sue risorse, ha perso terreno. Presentando il suo rapporto sull’intelligenza artificiale a marzo, il deputato e matematico francese Cdric Villani ha dichiarato che l’Europa deve poter competere con la Cina e gli Stati Uniti proteggendo al contempo i suoi cittadini e indicando la strada da percorrere sulle questioni etiche. Se non staremo attenti, le regole del ventunesimo secolo non saranno definite a Bruxelles, ma a Shanghai.

Link: http://www.internazionale.it/opinione/pierre-haski/2018/09/19/intelligenza-artificiale-shanghai

NEWS

24/10/2018
Cina: Xi Jinping ha inaugurato il ponte che coll...
Il presidente cinese, Xi Jinping, ha inaugurato il pon...

27/09/2018
Cina: vendere nel mercato pi grande del mondo. ...
La Cina sta gradualmente evolvendo da economia basata ...

21/09/2018
TECNOLOGIA Il futuro dell’intelligenza art...
Pierre Haski, France Inter, Francia 19 settembre 2018 ...

22/08/2018
La Cina sorpassa gli USA e diventa il primo merc...
Un segno del cambiamento dei tempi anche nei risulta...

09/06/2018
I piani di espansione in Italia di Xiaomi, il qu...
Il gruppo praticamente un esordiente in Europa, ma h...

08/06/2018
Internazionalizzazione d’impresa: quanto c...
Le aziende che decidono di internazionalizzarsi devono...

07/06/2018
Nuovo colpo di Tesla. Una gigafactory in Cina
Elon Musk annuncia che replicher a Shanghai la superfa...

05/06/2018
Moda Made in Italy: quali sono i prodotti pi es...
I risultati del settore moda per il 2017 sono l’...

01/06/2018
Shenzhen, una finestra sui 40 anni di apertura d...
Il Pingan Financial Centre di Shenzhen, con i suoi 115...

31/05/2018
Xiaomi sbarca in Italia, apre alla distribuzione...
Il modello business di Xiaomi si basa su tre pilastri:...

30/05/2018
Per il vino italiano (finalmente) l’ora ...
Alla vigilia di Vinexpo Hong Kong, di scena da oggi al...

29/05/2018
High-tech leads foreign direct investment growth
Overall rise stable while the medical equipment sector...

27/05/2018
Exploit del vino italiano in cina, sperando non ...
Sar un Vinexpo Hong Kong da protagonista per l’...

25/05/2018
La Cina sar leader nell’introduzione del ...
La Cina sta cercando di emergere come leader nell̵...

24/05/2018
China to further open up its service sector
China will further open up its service sector by expan...

23/05/2018
Il futuro della tecnologia in Cina
La primavera dell’investimento arrivata, si ...

19/04/2018
Food ed e-commerce: un trend in continua crescit...
Per chiunque voglia esportare i propri prodotti all...

26/03/2018
E-commerce, italianit e qualit: i tre segreti ...
L’e-commerce presenta spazi immensi in Cina, ma...

02/02/2018
Iva all’8% e zone franche: ecco i Paesi st...
Qual il Paese straniero che offre maggiori sbocchi co...

12/01/2018
ARREDO E INTERIOR DESIGN NEGLI EMIRATI ARABI UNI...

05/01/2018
Cina: le province dell’agribusiness
http://www.italychina.org Con 440 miliardi di euro di f...

29/11/2017
Partito da Mortara il primo treno merci Italia-C...
www.huffingtonspot.it Alle 11.50 il primo treno merci d...

27/10/2017
Foreign CEOs praise China’s changes
http://www.globaltimes.cn/content/1071788.shtml People ...

26/09/2017
Le tre citt pi competitive della Cina
http://www.chinanewsitaly.com/ Shenzhen, la citt con...

13/09/2017
Chinese manufacturing grows along with upgrading
english.gov.cn This year, Chinese manufacturing has see...

07/09/2017
La Cina sfida l’Hyperloop di Elon Musk con...
it.businessinsider.com Il settore dei trasporti in co...

05/09/2017
China’s sharing economy could drive global...
www.chinadaily.com BEIJING - Last week, Chinese bike-sh...

05/09/2017
East & South East Asia: la Cina cresce e traina ...
www.exportiamo.it La nostra analisi dei principali merc...

31/05/2017
Italia snodo sulla via della Seta
www.ilsole24ore.com Se l’Italia offre vantaggi im...

15/03/2017
Produzione industriale in crescita, +6,3%, Reta...
http://www.agichina.it Pechino, 14 mar. - Gli ultimi da...

30/01/2017
EUROPEAN BUSINESS IN CHINA POSITION PAPER 2016/2...
italychina.org La Fondazione Italia Cina e la European ...

02/01/2017
Cina, arriva il capodanno lunare e le aziende tr...
http://www.ilfattoquotidiano.it/ Come ogni anno, tra il...